Cambiamenti Ormonali in Gravidanza: Sintomi Principali

  1. Home
  2. /
  3. Salute
  4. /
  5. Cambiamenti Ormonali in Gravidanza: Sintomi Principali

Come cambia il corpo in gravidanza! Una donna incinta deve riconoscere i sintomi dei cambiamenti ormonali, sia nei primi mesi di gravidanza che in seguito, per affrontare la nuova ed emozionante avventura con la giusta preparazione ma anche con maggiore serenità.

Durante i nove mesi della gravidanza i processi fisiologici nel corpo della donna subiscono un notevole stravolgimento, dovuto alle modifiche del metabolismo ormonale: questo mette in atto dei processi che trasformano il corpo della donna, lo predispongono alla gestazione e lo preparano al parto. Oggetto di queste trasformazioni sono tutti gli organi, le ossa, si sistema cardiocircolatorio e il metabolismo. Gli ormoni intervengono inoltre a livello emozionale e provocano un lento processo di cambiamento e adattamento anche a livello emotivo.

Sintomi dei cambiamenti ormonali in gravidanza

Il primo sintomo che vi avverte che è in atto una gravidanza è la mancanza del ciclo mestruale. Ma questo potrebbe essere dovuto anche ad un semplice ritardo, quindi per averne la certezza è bene effettuare un test di gravidanza fai da te e ovviamente consultare il proprio medico ginecologo.

Un altro sintomo molto comune tra le neomamme nei primi mesi di gravidanza è la nausea che si manifesta spesso la mattina ed è accompagnata da vomito. Questo avviene perché ormoni prodotti in abbondanza nel corso della gravidanza possono stimolare il centro della nausea posto nel cervello ed influiscono inoltre sul rinoencefalo, il centro cerebrale di controllo della percezione degli odori, collegato a quelli che portano alla nausea e al vomito.

Bisogno frequente di urinare: questo avviene sia a causa dell’aumento del progesterone che ha effetto diretto sulla diuresi, che per il progressivo aumento dell’utero provoca maggior pressione sulla vescica, quindi questo sintomo non lo riscontrerete solo nei primi mesi di gravidanza ma anzi aumenterà con l’aumentare del tempo e del pancione.

Un altro sintomo dovuto ai cambiamenti ormonali è la variazione del seno, molte donne infatti soffrono di ipersensibilità del capezzolo e sentono il seno pieno e teso a causa di un sensibile aumento del progesterone, che prepara la ghiandola mammaria all’allattamento.

Colpa questa volta dell’estrogeno è la forte sensibilità agli odori: nel periodo della gravidanza odori e profumi che fino a quel momento non ti hanno creato nessun tipo di fastidio potranno iniziare a risultare insopportabili.

Sempre legata all’aumento del progesterone e agli estrogeni è la ritenzione di liquidi: ostacolando la circolazione con effetto diretto sulla muscolatura liscia dei vasi sanguigni, è possibile quindi nei primi mesi di gravidanza andare incontro a crampi e dolori delle gambe e dei piedi, che inoltre possono risultare gonfi a causa del ristagno dei liquidi .

Classico sintomo dei cambiamenti ormonali in gravidanza, spesso usato dalle donne per farsi viziare dal compagno, sono le voglie alimentari, l’improvviso desiderio di cibo, dal dolce al salato alle cose più impensabili e a qualsiasi orario. Cerca di soddisfare queste voglie, ma non esagerare: è comunque bene seguire la giusta dieta in gravidanza, sia per te che per il feto.

Legato soprattutto alla tempesta ormonale del primo periodo della gravidanza è il mal di testa, le cui cause possono essere molto varie: l’aumento della pressione sanguigna, la scarsa idratazione, le difficoltà nel dormire, la mancanza di zuccheri, lo stress o la stanchezza tipica del periodo gestazionale.

Quelli elencati sono i sintomi più comuni tra le neomamme nei nove mesi di gravidanza, ma non è detto che ogni donna soffra di tutti questi disturbi. Comunque anche nel caso si presentino non è sempre detto che lo facciano in forma acuta, quindi goditi questo periodo senza ansie esagerate.


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.